mercoledì 20 febbraio 2008

Il Re Leone.


http://mariocipollini.eu/blog/

Mario Cipollini, un grandissimo campione del ciclismo, soprannominato dai tifosi Re Leone oppure SuperMario, è stato, non posso dire solo a mio parere in quanto è famoso nel mondo per questo, uno dei più grandi sprinter della storia del ciclismo mondiale. Questo grande campione contro i quale sono stati in tanti a dover sperare di rimanere dietro la sua ruota per poter giungere secondi al traguardo, e di origine di Lucca ed ha cominciato a correre gia da piccolo. Quella del ciclista, per chi non lo conoscesse, è una vita che richiede tantissimi sacrifici. Io sono solo una appassionata che segue le gare, e quindi non faccio nessun sacrificio, ma conosco la vita del ciclista perché mio marito è uno che invece non può essere definito un ciclista vero e proprio in quanto non gareggia, ma esce almeno un paio di volte alla settimana in bicicletta. Il Re Leone divenne professionista nel 1989 e ben presto cominciò a vincere gare una dopo l'altra. E' stato sicuramente l'uomo da battere se l'arrivo di tappa era in pianura e nei suoi anni d'oro sono stati veramente pochi quelli che ci riuscirono. E' stato un atleta che non ha mai finito di stupire il suo pubblico, ha dimostrato negli anni passati di essere dotato di caratteristiche che gli consentono di avere una progressione negli ultimi 300 metri superiori a chiunque altro, e soprattutto mentre diversi altri atleti hanno avuto a che fare con doping e problemi analoghi, su di lui non c'è mai stata una parola da ridire sull'argomento. All'età di 38 anni smise di correre, per dedicarsi alla famiglia, è infatti sposato ed ha due figlie, e solo nell'anno precedente aveva cominciato ad essere battuto un pò più spesso da giovani emergenti come Petacchi, c'è da dire però che a 37 anni riuscire comunque ancora a vincere o arrivare secondi dietro a velocisti puri, come appunto Petacchi non è certo da tutti. Aveva annunciato più volte il suo ritiro gia nel 2002 e sembrava cosa fatta, invece tornò in sella e all'età di 35 anni, a Zolder in Belgio, riuscì a coronare un altro suo sogno, quello di vincere un Campionato del Mondo. Nella sua carriera ha avuto 181 sucessi tra cui 40 tappe nel giro DItalia, 12 al Tour de Frace, 3 nella Vuelta (giro di Spagna) e 1 Milano-Sanremo. Ma come già dicevo lui non termina mai di stupire, adesso a 41 anni, è rimontato in sella e stà partecipando al Giro di California dove iere è riuscito ad arrivare terzo in un arrivo in volta battuto da Tom Bonen e Heinrich Haussler. Per chi volesse leggere un articolo in riguardo lo può trovare al seguente link

http://it.eurosport.yahoo.com/20022008/8/giro-california-vince-boonen-cipollini-li.html


18 commenti:

  1. Ciao Maria,
    la situazione a Civitavecchia rispecchia un po quella nazionale...i politici cercano solo il tornaconto.
    Con questo mio Blog cerco di rendergli la vita un po meno facile.
    Ciao
    Gaetano
    ILFARODISANLIBORIO
    la mia mail e' simoale99@tele2.it

    RispondiElimina
  2. Grande SuperMario...
    A presto ;-)))

    RispondiElimina
  3. Come sportivo niente da dire...come persona.....

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo con lucestelle, ma come sportivo onore al merito.... è un grandissimo campione di indiscussa serietà nella sua attività di ciclista.

    RispondiElimina
  5. Grande campione, forse per trofei ottenuti (mondiale compreso) il più grande sprinter di tutti i tempi o quantomeno tra i più grandi

    PS: mi piace il tuo blog e se non ti dispiace mi permetto di linkarlo.

    RispondiElimina
  6. Anch'io come Daniele, ti chiedo di linkare il tuo blog, perché mi piace il suo trattare argomenti diversi e interessanti.
    Fammi sapere!!!

    Ciao e buona giornata!

    P.S. Ti linko su tutti e due i blog miei.

    RispondiElimina
  7. ed io proveddo subito...ciao dama...

    RispondiElimina
  8. l'ho incontarto una sera a reggio calabria, mi sono avicinato per due chiacchiere, esordento: "ciao mario, io sono un omonimo"...mi ha guardato come se gli avessi confessato di essere affatto da una rara malattia!

    RispondiElimina
  9. Ciao Maria, grazie per la visita che ricambio molto volentieri!
    Non conosco Cipollini come persona (e a leggere i vostri commenti mi viene da pensare "meno male") ma come sportivo ha tutta la mia ammirazione! A presto!

    RispondiElimina
  10. Ho incontrato Cipollini a Lucca circa 5 anni fa e mi è rimasto nel cuore. Che pezzo d'uomo!

    RispondiElimina
  11. Ciao Melina,c'è una piccola sorpresa per te nel mio blog,se passa un po di tempo il link è
    http://pabi71.blogspot.com/2008/02/pabi71-si-prepara-per-l.html
    copriti.
    Ciao a presto.

    RispondiElimina
  12. Ma i grandi come lui, Cassano ed altri sono sempre genio e sregolatezza, teniamoceli così.

    RispondiElimina
  13. E' un signor campione, dopo il mio mito ( Pantani ) è il cilista che apprezzo di più !!!

    RispondiElimina
  14. Concordo nel dire che è stato un gran campione come velocista e concordo se vuoi, nel linkare il tuo blog

    RispondiElimina
  15. quoto lucestelle. Gran sprinter é vero, un applausone allora anche a chi gli tirava le volate...e non ha mai finito un tour de France.

    Cafoncello cmq il ragazzo, non so se vi ricordate il servizio con le iene.

    RispondiElimina
  16. discutibile come carattere, tutto quello che si vuole, ECCELLENTE invece come atleta e questo è un dato di fatto.

    RispondiElimina
  17. Un grande campione, come persona non saprei, che mi son persa? Ciao e buona domenica (meglio tardi che mai).

    RispondiElimina